quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: DNA - Daily News Agency
Data: 04/10/2007
Autore: Redazione
DNA - Daily News Agency
Regione: Incarnato presiede riunione tra ATO e Sorical
Provincia: Catanzaro
Comune: Catanzaro
Argomento: Ambiente
Regione: Incarnato presiede riunione tra ATO e Sorical

Per fare il punto sulle problematiche relative al ciclo integrato delle acque in Calabria, l’assessore Luigi Incarnato ha presieduto oggi un incontro tra i rappresentanti dei cinque Ambiti territoriali ottimali e la Sorical.

Nel corso della riunione – si legge in una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta regionale - è emersa l’esigenza, non più procrastinabile, di completare la ricognizione sui territori delle cinque province calabresi per stabilire i fabbisogni di ciascun Comune.
Secondo Incarnato “la conoscenza complessiva e approfondita dell’intero ciclo delle acque (idrico, depurativo, fognario) consentirà di pervenire, entro brevissimo tempo, alla definizione del nuovo Piano d’Ambito, da cui emergeranno le criticità di ciascuna quota territoriale, i criteri di selezione degli interventi, nonché la determinazione delle priorità. Inoltre il Piano consentirà di predisporre il programma degli investimenti, gli aspetti economici e finanziari e servirà anche ad individuare un più adeguato modello di gestione. Occorre stabilire - ha proseguito l’assessore ai Lavori Pubblici - un coordinamento più efficace tra gli Ato, al fine di evitare sfasature e interferenze che rischiano di vanificare ogni sforzo progettuale. La fase di ricognizione dei fabbisogni dovrà seguire criteri di rilevazione omogenei per impedire discrasie e assicurare uniformità di giudizio delle fasi successive.
La fase ricognitiva, già in avanzato stato di elaborazione, dovrà essere completata entro la seconda decade del mese di ottobre 2007, mentre per la fine dello stesso mese si dovrà provvedere alla definizione del Piano d’Ambito. A nessuno sfugge l’importanza delle procedure e dei tempi proposti che - ha detto infine Incarnato - sono strettamente collegati alla programmazione ordinaria e, soprattutto, ai Por 2007-2013 che insieme costituiscono gli strumenti per affrontare organicamente le problematiche del comparto”.