quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: DNA - Daily News Agency
Data: 10/10/2007
Autore: Redazione
DNA - Daily News Agency
Lamezia Terme: Aree Urbane, iniziativa del Presidente di Anci regionale
Provincia: Catanzaro
Comune: Lamezia Terme
Argomento: Urbanistica
Lamezia Terme: Aree Urbane, iniziativa del Presidente di Anci regionale

Riunione dei Sindaci calabresi, interessati alle 9 aree urbane, individuate dal Por.

Su iniziativa del Presidente di ANCI Calabria e Sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini, si è svolta, nel Municipio di Lamezia Terme (Cz), una riunione dei Sindaci dei Comuni individuati nel POR 2007-2013 della Regione tra le nove aree urbane che dovrebbero essere riconosciute in Calabria. Scopo dell'incontro, al quale ha partecipato anche il dott. Francesco Monaco, responsabile nazionale dell'ANCI per la programmazione europea, era individuare una strategia condivisa per dialogare con la Regione Calabria in modo che i Comuni possano partecipare direttamente alla programmazione e alla gestione delle iniziative destinate a incidere sui territori, in modo da evitare appesantimenti derivanti da complessi passaggi burocratici. Erano presenti con Perugini i Sindaci del Comune che ha ospitato l'incontro, Gianni Speranza, ed i rappresentanti delle Amministrazioni comunali interessate.

«Nel corso della riunione – ha dichiarato il Presidente di ANCI Calabria, Perugini – si è registrata una condivisione dell'idea di “fare rete” per offrire alla Regione un terreno comune di dialogo. Questa è la prima novità emersa dall'incontro, una novità di carattere politico che segna un'inversione di tendenza rispetto ai tanti campanilismi del passato. Da questo orientamento politico è scaturita l'esigenza di costituire un tavolo tecnico coordinato dal dott. Francesco Monaco, Responsabile dell'ANCI nazionale per la programmazione europea, al quale siederanno anche i Dirigenti indicati da ogni Comune interessato, in modo da tradurre la scelta politica di fondo in azioni concrete da proporre per ciascuna delle aree urbane individuate. Quella di oggi è una decisione importante che – conclude Perugini – tutti speriamo preluda a un coinvolgimento diretto dei Comuni interessati nei processi decisionali e gestionali riferiti ai fondi europei per le aree urbane».