quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Area Locale
Data: 17/10/2007
Autore: Francesco Rizza
Area Locale
Petilia Policastro: Charles Oulejo Vura tra i Missionari Ardorini
Provincia: Crotone
Comune: Petilia Policastro
Argomento: Religione
Petilia Policastro: Charles Oulejo Vura tra i Missionari Ardorini

La chiesa parrocchiale di San Nicola pontefice di Petilia Policastro ha ospitato la professione semplice nella Congregazione dei Missionari Ardorini del giovane ugandese Charles Oulejo Vura.
Il Giovane africano, che ha svolto a Petilia Policastro il secondo anno del proprio noviziato, è entrato così ufficialmente nella Congregazione missionaria voluta agli arbori dello scorso secolo dal servo di Dio mons. Gaetano Mauro, il “don Bosco della Calabria”, per la santificazione dei giovani e della gente dei campi.
Se, nei prossimi giorni, Charles si trasferirà a Roma per svolgervi gli studi propedeutici all’ordinazione sacerdotale il suo ricordo rimarrà vivo a Petilia dove nel corso dell’ultimo anno è riuscito ad ambientarsi ed a farsi volere bene.
Prova di ciò i numerosi fedeli che si sono radunati per prendere parte alla commovente Liturgia presieduta da p. Battista Mogurno vicario generale della Congregazione dei Missionari Ardorini affiancato fra gli altri sull’altare dal parroco p. Ismaele Naranjo Silva e da p. Giovanni Pellegrino che, dopo essere stato parroco per circa un trentennio nella cittadina dell’alto Marchesato crotonese svolge nella Congregazione ardorina il compito di maestro dei novizi.
Ad allietare la solenne Celebrazione, il coro parrocchiale guidato da Ubaldo Cavarretta che, particolarmente con l’esecuzione di alcuni brani in latino, è riuscito a rendere ancora più sentita la Liturgia eucaristica.
Portando ai presenti il saluto del superiore generale dei Missionari ardorini p. Antonio De Rose in Colombia per l’ordinazione di tre nuovi sacerdoti ardorini p. Battista Mogurno, nel corso della Liturgia, ha interrogato Charles relativamente alla sua volontà d’entrare a far parte della Congregazione ardorina.
E’ seguita la vestizione e la consegna al professo delle Costituzioni ardorine.
“Il Signore – ha sottolineato p. Mogurno – ha scelto proprio te per arricchire la nostra Congregazione che, per quest’anno di noviziato, ti ha affidato al cuore grande di p. Giovanni Pellegrino. Tutti noi, oggi, lo ringraziamo per quanto ha fatto anche per te. Si entra in una Congregazione religiosa apparentemente per far felice se stesso, ma vi si rimane per fare felici gli altri e questo auguriamo anche a te”.
In un altro passaggio della propria riflessione, p. Mogurno ha ricordato come “il nostro fondatore, il Decano Mauro, diceva che la vocazione di un religioso si misura anche dal suo amore per le case della sua Comunità e con questa Celebrazione diamo il ben venuto a Charles nelle nostre case che diventano anche sue”.
Ricordiamo che l’intenso legame fra la Congregazione dei Missionari Ardorini e Petilia Policastro è iniziato il 19 ottobre 1938 quando, grazie ad alcune donazioni della la famiglia petilina dei Ferrari, veniva aperta la seconda casa della stessa Congregazione allora fondata da pochi anni.
Da allora numerose le vocazioni ardorine che sono germogliate nella cittadina dell’alto Marchesato crotonese come quella, per ricordare la più recente di p. Salvatore Cimino attualmente di comunità a Roma e quella di p. Giuseppe Carvelli secondo successore di mons. Mauro alla guida della Congregazione ardorina, nominato nel 2001 vice postulatore della causa di canonizzazione dello stesso mons. Gaetano Mauro.