quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Area Locale
Data: 24/10/2007
Autore: Redazione
Area Locale
San Giovanni in Fiore: Immondizia, un coro di rifiuti
Provincia: Cosenza
Comune: San Giovanni in Fiore
Argomento: Ambiente
San Giovanni in Fiore: Immondizia, un coro di rifiuti

Il sindaco di San Giovanni in Fiore, Antonio Nicoletti, ha disposto la chiusura della strada d'accesso alla discarica comunale come conseguenza ad un’ordinanza del Commissario delegato per l'emergenza ambientale in Calabria che il 19 ottobre scorso ha autorizzato trentatrè Comuni a conferire i rifiuti solidi urbani presso la discarica di località "Vetrano" in agro di San Giovanni in Fiore, ai confini del territorio di Caccuri.
L'ordinanza del Commissario regionale è stata così paralizzata da quella comunale perché la prima di fatto “determina l’ampliamento esponenziale del volume di traffico sulla strada d’acceso né previsto, né prevedibile in sede di progettazione… con la possibile determinazione di una seria situazione di pericolo per la pubblica incolumità rispetto alla tenuta della strada.”
La discarica di località Vetrano è nata, ed è stata già ampliata una volta, per accogliere la parte non riciclabile del processo di differenziazione dei rifiuti solidi urbani dei comuni che aderiscono al Consorzio Vallecrati.
Per questo motivo, il locale circolo Legambiente ha dato ragione sostanzialmente al sindaco di San Giovanni in Fiore "per evitare che l’unica discarica a sostegno della raccolta differenziata in provincia di Cosenza si esaurisca in breve tempo, siamo contrari al conferimento dei rifiuti non differenziati dei 33 comuni del Consorzio."
"Contrasteremo ogni ipotesi di ulteriore ampliamento della discarica di San Giovanni in Fiore - dicono quelli di Legambiente Sila - perché per uscire dall’ emergenza rifiuti si deve perseguire la strada del potenziamento vero della raccolta differenziata, la realizzazione degli impianti a supporto della stessa in ogni provincia, e soprattutto responsabilizzando cittadini e amministratori."
Sul versante Crotonese c'è preoccupazione per questa decisione, in quanto si teme che possano avere ripercussioni negative per la gestione dei rifiuti nella provincia.
L'assessore provinciale Liotti si dice preoccupato per la decisione del Comune di San Giovanni in Fiore, perché "ancora una volta, un problema di così grave entità non viene affrontato nei territori di competenza ma tende ad essere scaricato su altri contesti territoriali e, guarda caso, ancora una volta, la pattumiera della Regione rischia di continuare ad essere Crotone. È quanto accadrà se alla discarica di San Giovanni in Fiore non verrà ridata una immediata operatività. "
È una situazione divenuta oramai intollerabile, dice Liotti anche perché "nuovamente, come già avvenuto in passato, qualcuno ha deciso dall’alto che Crotone deve continuare ad essere un ricettacolo di immondizia e questo è un fatto fortemente lesivo per gli interessi economici e sociali del territorio. "
Così come il Sindaco di San Giovanni in Fiore ha determinato il non utilizzo di quella discarica, "sarebbe il caso - sembra convinto l'assessore - che anche a Crotone una volta per tutte, il problema fosse affrontato nell’interesse della collettività e della salute pubblica. "