quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: La Provincia Cosentina
Data: 24/10/2007
Autore: Redazione
La Provincia Cosentina
Cosenza: Nunnari a Padre Fedele «Con te non parlo più»
Provincia: Cosenza
Comune: Cosenza
Argomento: Religione
Cosenza: Nunnari a Padre Fedele «Con te non parlo più»

In una settimana Padre Fedele è riuscito a riportare scompiglio nell’ambiente ecclesiastico cosentino. E’ una raffica di botta e risposta tra il monaco e i suoi superiori. Alle dichiarazioni del monaco («I miei confratelli mi hanno abbandonato ») è seguita la risposta della Curia dei frati minori cappuccini («E’ ormai impossibile giustificare lo scandalo e il clima di polemica che padre Fedele continua a suscitare con le sue dichiarazioni»), alla quale è seguita la controrisposta di padre Fedele («La mia difesa dopo due anni di esilio e di carcere segue le direttive del diritto canonico, pertanto in coscienza non mi sembra di disobbedire». A questo punto a intervenire è il vescovo Salvatore Nunnari che dopo aver seguito personalmente la vicenda di padre Fedele Bisceglia venuto a conoscenza della affermazione di pubblica ‘obbedienza’ a lui, come Vescovo, ha sentito l’esigenza di parlare. «Dispiace molto apprendere che padre Fedele Bisceglia - dice il vescovo - ha fatto una pubblica dichiarazione di obbedienza a me, in quanto Vescovo, ma voglio chiarire che non sono io il suo Superiore diretto e a me non deve alcuna obbedienza. Mi spiace però - continua - che ha sempre disatteso i miei paterni consigli; lo richiamo, ancora una volta, all’obbedienza piena ai suoi Superiori Maggiori. Fino a quando non obbedisce pienamente, senza altre false dichiarazioni di sottomissione, ogni colloquio con lui è interrotto. Lo affido alla preghiera dei cristiani ed anche ai buoni consigli che i fedeli laici devono dargli senza creargli ulteriori illusioni. Ricordo a padre Fedele- conclude il vescovo Nunnari - al di là delle chiacchiere e degli eccessi mediatici che va facendo, che l’Obbedienza, oltre che una virtù che deve vivere ogni cristiano, per lui è un voto da osservare insieme alla povertà e alla castità»