quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Giornale di Calabria
Data: 25/10/2007
Autore: Redazione
Giornale di Calabria
Cariati: Il sindaco - “Non si accorpi la Pediatria”
Provincia: Cosenza
Comune: Cariati
Argomento: Medicina e Sanità
Cariati: Il sindaco - “Non si accorpi la Pediatria”

A seguito di notizie apparse sulla stampa, circa un paventato accorpamento della Pediatria del nostro nosocomio a quella dell’ospedale di Rossano, l’Amministrazione comunale di Cariati manifesta tutto il proprio disappunto e la propria contrarietà.
Si tratta dell’ennesimo atto scellerato che si vorrebbe perpetrare ai danni del Vittorio Cosentino”.
È la dichiarazione del vice sindaco Cataldo Perri, secondo il quale “l’elevato numero di bambini nati nella nostra Ostetricia necessita dell’assistenza sanitaria qualificata fin qui erogata sia dai medici dell’ostetricia che dai medici pediatri.
La stessa Pediatria territoriale, - continua - che viene erogata in maniera sostanziale dai pediatri ospedalieri, sarebbe gravemente mortificata da un atto del genere.
Si chiede ai vertici dell’Azienda Sanitaria provinciale di voler soprassedere ad eventuali scelte che penalizzerebbero ulteriormente la domanda di salute delle nostre comunità.
Nel contempo si chiede un incontro in tempi brevi per una discussione ampia sulle problematiche generali del nostro ospedale, a partire dalle emergenze cardiologiche”.
L’Amministrazione Comunale di Cariati, inoltre, “invita tutti i sindaci del comprensorio, sulla scorta di quanto già deliberato in una recente riunione, di coordinarsi in iniziative unitarie territoriali urgenti per rivedere la questione accorpamento Asl, alla luce della grave anarchia che si è creata nel settore sanità dal giorno del famigerato atto regionale.
Il nuovo Ospedale della Sibaritide negli ultimi tempi pare stia diventando sempre di più una chimera e quella che avrebbe dovuto essere una risposta qualificata di eccellenza sanitaria potrebbe rivelarsi l’ennesima beffa.
È tempo - conclude - che si riconsideri anche l’ipotesi che tale finanziamento si destini invece a migliorare lo standard degli ospedali storici dell’ASL 3 di Rossano”.