quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Giornale di Calabria
Data: 25/10/2007
Autore: Redazione
Giornale di Calabria
Crotone: gli allevatori scrivono al Prefetto
Provincia: Crotone
Comune: Crotone
Argomento: Cronaca
Crotone: gli allevatori scrivono al Prefetto

Alla vigilia dell’assemblea dell’Associazione allevatori di Crotone indetta in seconda convocazione per domani, con all’ordine del giorno tra gli altri punti l’approvazione del bilancio 2006, ed il preventivo 2007 ed il rinnovo delle cariche sociali, la lista di allevatori “Impegno trasparente per la zootecnia crotonese” ha scritto una allarmata lettera indirizzata al Prefetto di Crotone, nella quale l’avvocato Vittorio Gangale, attuale vice presidente dell’Associazione provinciale allevatori a nome di tutti i componenti della lista, fa presente che allo stesso anche in qualità di vice presidente e quindi di amministratore legittimato, viene impedito il rilascio delle copie degli atti dell’associazione.
In particolare, è scritto in una nota, “la possibilità di avere le copie dell’elenco dei soci in regola con il pagamento e che quindi possono esercitare a norma di Statuto i diritti sociali così come anche davanti a violazione accertate direttamente non vengono rilasciate copie degli atti prodotti in palese violazione della normativa in vigore.
Una situazione questa, che sta facendo crescere la tensione all’interno dell’associazione e che fa sorgere seri dubbi circa la regolarità delle procedure elettorali sull’esercizio del diritto di voto”.
L’Apa è un organismo tecnico che eroga servizi agli imprenditori zootecnici anche attraverso finanziamenti pubblici.
La Coldiretti sostenendo questo percorso intrapreso dalla lista che va nella direzione del rispetto delle regole e della trasparenza in tutte le sue fasi, ritiene altresì che vada consolidata l’agibilità democratica all’interno dell’associazione, per permettere un confronto ed una competizione serena che offra la possibilità di confrontarsi sulle linee di sviluppo di una moderna zootecnia e di un servizio ai soci all’altezza della situazione.