quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Giornale di Calabria
Data: 25/10/2007
Autore: Redazione
Giornale di Calabria
Crotone: Riqualificare il campo nomadi
Provincia: Crotone
Comune: Crotone
Argomento: Lavori Pubblici
Crotone: Riqualificare il campo nomadi

Si è tenuta nella sala Giunta del Comune di Crotone una riunione per la riqualificazione del campo di accoglienza nomadi.
Alla riunione hanno partecipato monsignore Domenico Graziani, Arcivescovo di Crotone, gli assessori comunali ai Lavori pubblici Antonella Rizzo e alle Politiche sociali, Antonio Adamo, il presidente della Provincia, Sergio Iritale, e il vice prefetto Vincenzo Amendola. Curia, Prefettura, Comune, Provincia si sono dati appuntamento presso il Comune di Crotone per continuare un lavoro comune che porti alla realizzazione di un nuovo campo di accoglienza nomadi.
L’assessore Rizzo nell’introdurre i lavori ha sottolineato proprio il dialogo che si è instaurato tra tutte le istituzioni per dare una risposta agli amici slavi.
Il progetto, ha proseguito la Rizzo è materiale ma anche immateriale. Materiale nel senso che si partirà dalla bonifica dell’area, la sistemazione delle aree esterne, i lavori di urbanizzazione primaria per poi passare alla realizzazione delle strutture esterne.
Il comune ha presentato una relazione tecnico - illustrativa per la realizzazione di 23 abitazioni con una quadratura che parte da 20 mq fino a 60 mq a seconda delle esigenze familiari.
Due saranno le strutture polifunzionali, una moschea ed una ludoteca. L’assessore Adamo ha illustrato la parte immateriale del progetto sostenendo la necessità di incontrare la comunità nomade e di mettere in campo progetti per la socializzazione soprattutto destinati ai bambini.
Sul dialogo con la comunità nomade è stato incentrato l’intervento di monsignore Graziani, il quale ha sostenuto che chi abiterà in questo nuovo villaggio dovrà essere responsabilizzato sull’importanza dell’intervento sociale che si sta effettuando, ipotizzando, tra l’altro, di affidare la manutenzione agli stessi abitanti del campo.
L’arcivescovo ha sostenuto che si vuole realizzare, anche con il contributo della Caritas, un vero e proprio scambio culturale.
Il presidente Iritale confermando l’adesione della Provincia al progetto ha sottolineato l’esigenza di mettere in piedi un intervento duraturo che rafforzi ancora di più l’intento solidale dello stesso proponendo che gli alloggi siano realizzati con materiali eco-compatibili.
Anche la Prefettura, attraverso il vice prefetto Amendola, ha confermato il sostegno all’iniziativa.