quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: DNA - Daily News Agency
Data: 25/10/2007
Autore: Redazione
DNA - Daily News Agency
Vivo Valentia: Provincia - Vicepresidente Barbieri alla convention nazionale dell´UPI
Provincia: Vibo Valentia
Comune: Vibo Valentia
Argomento: Amministrazione Provinciale
Vivo Valentia: Provincia - Vicepresidente Barbieri alla convention nazionale dell´UPI

Si è conclusa oggi, a Firenze, la tre giorni di lavori dell’assemblea generale delle Province d’Italia alla quale, su delega del presidente Bruni, ha partecipato il vice presidente dell’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia, Paolo Barbieri, che, tra l’altro, è membro del Consiglio direttivo dell’Upi (Unione Province Italiane).
All’assemblea, aperta dalla relazione del presidente dell’Upi Fabio Melilli, oltre ai rappresentanti delle Province, hanno partecipato diversi esponenti del Governo, come i ministri Lanzillotta, Chiti, Nicolais e Pecoraro Scanio, nonché esperti come il presidente del Censis Giuseppe De Rita e il presidente del Formez, Carlo Flamment.
Particolare interesse ed attenzione ha suscitato l’intervento del presidente della Camera dei Deputati, Fausto Bertinotti.
Tema portante dell’incontro è stato il ruolo delle Province, intese come una risorsa per il Paese; un ruolo fondamentale per lo sviluppo locale e la coesione territoriale.
Al riguardo il ministro Lanzillotta ha affermato, tra l’altro, che «i Comuni, le Province, le Città metropolitane dovranno essere gli unici livelli istituzionali e dovranno sostituire tutta la pletora di altri soggetti che non costituiscono una risorsa».
Ciò è indicativo della volontà di rafforzare il ruolo delle Province, nel quadro delle riforme istituzionali, in base al principio di ripartizione delle funzioni tra i diversi soggetti istituzionali che operano sul territorio.
«L’ assemblea generale delle Province d’Italia - ha dichiarato il Barbieri - ha riscosso un forte interesse politico ed istituzionale, provato dalla presenza di rappresentanti di tutte le forze politiche e del Governo, a dimostrazione di un rinnovato interesse per il ruolo delle Province nel processo di riforma istituzionale.
Le Province possono e devono svolgere un ruolo innovativo nella governance dei territori.
Problematiche quali lo smaltimento dei rifiuti, il ciclo integrato delle acque, i collegamenti e la mobilità sono questioni prioritare che interessano direttamente i cittadini e per la cui soluzione le Province in questi anni hanno profuso energie ed impegno.
Dal confronto in atto tra il Governo ed i rappresentanti istituzionali emerge in maniera definitiva l’esigenza di rafforzare e dotare le Province degli strumenti necessari. Anche in considerazione del fatto che le amministrazioni provinciali sono, tra l’altro, l’unico riferimento elettivo di area vasta, che anche esperti come De Rita e Flamment considerano fondamentale per sollecitare dal basso maggiore capacità progettuale.
La nostra Provincia si colloca con forza all’interno di tale processo e darà certamente il proprio contributo al progetto riformatore, assumendosi piena responsabilità nella risoluzione delle problematiche di propria competenza, al servizio e a tutela dei cittadini-utenti».