quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Giornale di Calabria
Data: 26/10/2007
Autore: Redazione
Giornale di Calabria
Catanzaro: Nuove minacce a Mastella
Provincia: Catanzaro
Comune: Catanzaro
Argomento: Cronaca
Catanzaro: Nuove minacce a Mastella

Un proiettile e una lettera minatoria sono stati recapitati al ministro della Giustizia Clemente Mastella.
Nel messaggio anonimo, ci sarebbe scritto “se il pm De Magistris non torna al suo posto ne arriveranno altri trenta”.
Il proiettile inviato al Guardasigilli, spiega una nota dell’ufficio stampa di via Arenula, è un calibro 38 Smith & Wesson Special ed è stato bloccato dalla Digos di Bologna in un centro smistamento delle Poste Italiane, all’interno di una busta indirizzata al ministro.
La nota del dicastero conferma il contenuto del messaggio anonimo: “altri 30 di questi ti colpiranno se il pm De Magistris non tornerà al suo posto”. “Ringrazio per la solidarietà Schifani, Cusumano e gli altri colleghi, ringrazio tutti, ma anche per stemperare l’unica cosa che posso dire è che il proiettile non me lo sono inviato io...”.
Lo ha detto in Aula al Senato il ministro Guardasigilli, Clemente Mastella, sulla lettera minatorie ed il proiettile recapitati al ministro.
Il presidente del Consiglio Romano Prodi esprime, a nome del Governo, solidarietà al ministro della Giustizia per le “inaccettabili intimidazioni”.
Anche il presidente della Camera dei deputati, Fausto Bertinotti, ha inviato un messaggio di solidarietà al Ministro della Giustizia.
“Appresa la notizia del grave atto intimidatorio di cui Ella è stata fatta segno nella giornata odierna - scrive Bertinotti - desidero esprimerle la mia sincera ed intensa solidarietà, unitamente alla più ferma condanna per un gesto inaccettabile ed all’augurio per il prosieguo del Suo impegno al servizio delle Istituzioni democratiche”.
Intanto la settima commissione del Csm che si riunirà martedì pomeriggio per esaminare il provvedimento di avocazione disposto dal pg di Catanzaro facente funzioni Dolcino Favi, ha tolto l’inchiesta “Why not” al pm Luigi de Magistris. Quella del Csm, però, potrebbe essere soltanto una presa d’atto del provvedimento, che può essere impugnato solo davanti alla Procura generale della Cassazione.
E’ Iannelli il nuovo Procuratore generale di Catanzaro ROMA.
Enzo Iannelli è il nuovo procuratore generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro. Lo ha deciso ieri mattina il plenum del Csm all’unanimità.
Iannelli, fino a ieri procuratore capo di Pisa, andrà così a ricoprire l’incarico lasciato vacante da Domenico Pudia, andato in pensione.
Il ruolo di procuratore generale, negli ultimi tempi era stato svolto dal facente funzioni Dolcino Favi, il magistrato che, la scorsa settimana, ha disposto l’avocazione dell’inchiesta “Why not” al Pm, Luigi De Magistris.
Data la delicata situazione negli uffici di Catanzaro, la quinta Commissione di Palazzo dei Marescialli, nei giorni scorsi, aveva deciso di accelerare la pratica per la nomina del nuovo procuratore generale, approdata oggi con procedura d’urgenza in plenum, dopo il via libera firmato dal guardasigilli Clemente Mastella.
E intanto anche l’inchiesta “Why not” va avanti.
Ieri sono state eseguite perquisizioni a Roma ed a San Marino.