quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: La Provincia Cosentina
Data: 29/10/2007
Autore: Redazione
La Provincia Cosentina
Cosenza: Si chiude il sipario su Rexpò
Provincia: Cosenza
Comune: Cosenza
Argomento: Cultura
Cosenza: Si chiude il sipario su Rexpò

Rexpò: è tempo di consuntivi. Si è conclusa ieri la quattro giorni svoltasi alla Città dei ragazzi. Una manifestazione giunta alla quarta edizione. Segno di una forte continuità che è, nello stesso tempo, voglia di istituzionalizzarsi. A completamento della manifestazione, una conferenza stampa, nel corso della quale è stato tracciato un primo bilancio di Rexpò, che ha proseguito, rappresentandone allo stesso tempo un’evoluzione naturale, l’esperienza di CivitasMed. Ma non solo di bilanci si è parlato: la conferenza è stata anche un’occasione per un “arrivederci”. Con accluso messaggio di ottimismo. «Concludiamo questa esperienza -questo il saluto parole di Annamaria Odoardi, presidente della cooperativa sociale Delfino Lavoro- con una consapevolezza nuova: la parola rete non è un vocabolo astratto ma un obiettivo che è possibile raggiungere». La rete, cioè il legame negoziato di microsistemi e microreti economiche è un risultato possibile. Anzi, l’unico possibile in una realtà come quella meridionale e calabrese, dove il mercato stenta ad attecchire. Peccato che non tutte le istituzioni si siano accorte di queste potenzilità. Oppure, più semplicemente, non ci abbiano creduto fino in fondo. Un’assenza vistosa, ad esempio, è stata quella del Comune di Cosenza, che ha partecipato solo con un banchetto e con i saluti dell’assessore al welfare Alessandra La Valle. Tuttavia, il risultato è di piena soddisfazione, almeno a sentire Giovanni Serra, organizzatore di Rexpò: «Innanzitutto, abbiamo potuto contare su partners di spessore, quali il Forum nazionale per il terzo settore, la Fondazione per il sud e la Regione Calabria. In secondo luogo, gli espositori sono quasi raddoppiati, dai 120 dell’anno scorso agli attuali 220. Poi si è alzato il livello del dibattito. Infine anche il partenariato operativo è cresciuto»