quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: La Provincia Cosentina
Data: 09/11/2007
Autore: Eva A. Provenzano
La Provincia Cosentina
Cosenza: Dall´Unical al consiglio nazionale degli studenti
Provincia: Cosenza
Comune: Cosenza
Argomento: Cronaca
Cosenza: Dall´Unical al consiglio nazionale degli studenti

Un altro successo per Carmine Talarico. Il giovane studente dell’Università della Calabria, approdato qualche mese fa al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, ieri mattina è entrato a far parte del Cun, il Consiglio Universitario Nazionale. Il Cun è l’organo elettivo di rappresentanza del sistema universitario che formula pareri e proposte al Ministero dell’Università e della Ricerca in merito agli obiettivi della programmazione universitaria, ai fondi destinati agli atenei e sui regolamenti didattici delle università. Il Cun può esprimere parere sugli atti delle commissioni nelle procedure preordinate al reclutamento dei professori ordinari, associati e ricercatori. All’interno del Cun c’è un Collegio di Disciplina che ha il compito di discutere i procedimenti a carico di professori e ricercatori. Carmine Talarico era stato il primo studente della provincia di Cosenza ad essere eletto al Cnsu nella lista “La Confederazione”, ieri è entrato nella storia come il primo studente calabrese al Cnu. «La Calabria si siede al tavolo nazionale dell’Università » esprime con soddisfazione La Confederazione, «un premio per il lavoro svolto negli ultimi 10 anni in tutto il meridione ».«Riteniamo questa un’occasione unica per il nostro Campus, siamo soddisfatti per il risultato raggiunto da Talarico e a lui facciamo un augurio di buon lavoro perché possa operare al meglio nel suo nuovo incarico - scrivono i rappresentanti degli studenti dell’Impegno Cattolico Universitario e della lista Cuore». Un in bocca al lupo a Carmine arriva anche dall’Unione degli Studenti e “dai tanti amici attivi nella base confederale Unical”: «Quest’occasione consentirà ad un “calabrese” – scrivono - di operare in modo positivo e propositivo per un effettivo miglioramento della qualità della vita degli studenti italiani e meridionali ».