Elezioni provinciali: Santoianni ufficializza la sua candidatura
Elezioni provinciali: Santoianni ufficializza la sua candidatura
di PSDI

14/05/2009 - Francesco Santoianni già Assessore alla Provincia per diverse legislature invitato dal Segretario Nazionale del PSDI e sollecitato da più parti nella qualità di Coordinatore regionale del Partito, ha sciolto ogni riserva e si candida al Collegio n.2 di Altomonte-Lungro (che comprende nell’ordine Acquaformosa, Firmo, Malvito, Mottaffollone, S.Sosti, Sant’Agata d’Esaro, San Donato di Ninea e San Lorenzo del Vallo) sostenendo il Presidente uscente On. Mario Oliverio al quale riconosce una particolare sensibilità e impegno in favore del territorio cosentino, che ha operato bene, garantendo, sebbene l’assenza di altri enti preposti allo sviluppo, una presenza attiva e di intervento concreto in favore delle Comunità Amministrate. In una dichiarazione Santoianni ha affermato, un collegio il cui territorio è stato letteralmente abbandonato dall’intervento Pubblico. Se non ci fosse stata una Provincia sensibile che sul piano degli interventi di competenza ha garantito una presenza importante. Ma restano i grandi problemi dei collegamenti rapidi sul territorio attraverso una viabilità migliorata, dell’abbandono dei centri storici, della rivalutazione delle risorse montane, della difesa ad oltranza dell’unico Ospedale del territorio ovvero quello di Lungro, del rilancio turistico, religioso, etnico montano e di quello di ritorno, nonché della diga dell’Esaro che dovrebbe essere destinata ad usi civili, industriali e agricoli, e quindi preposta allo sviluppo dell’intero territorio della piana di Sibari.
E’ ora, ha dichiarato Santoianni come in passato del ritorno alla politica quale passione ed impegno responsabile in favore della gente. Il territorio ha bisogno di uomini capaci con esperienze forti per essere difeso e garantire il suo sviluppo. Come in passato, con la stessa forza propulsiva, forte delle esperienze acquisite nei vari Enti, intendo offrirmi al servizio del territorio che già è stato segnato dalla mia precedente presenza nella Amministrazione Provinciale di Cosenza con soluzioni importanti .
Con il suo impegno cosa sogna? Un territorio sviluppato, che offra la possibilità ai giovani, che hanno intelligenza e capacità creativa di riuscire nei propri paesi, con interventi strutturali e difesa idrogeologica, di messa in sicurezza ed il recupero dei centri storici, e il rafforzamento delle aree a rischio attraverso opere di forestazione atta a garantire occupazione per tanti lavoratori, rendere possibile l’avvio di quelle realtà finanziate con la 488, con manager di livello, limitare la spesa nei servizi pubblici attraverso il Consorzio dei comuni limitrofi, abbandonando sterili campanilismi che continuano a danneggiare irrimediabilmente questo territorio. Sono certo, il ritorno alla Provincia rappresenterà un valore aggiunto per un territorio che ha voglia di riscattarsi, di non essere più dimenticato, e assieme ai suoi giovani, ai lavoratori, ai Pensionati, agli artigiani, agli agricoltori, ai professionisti, alle fasce più deboli, intende giocare ancora una volta un ruolo da protagonista.
Commenti degli utenti
Nessun commento rilasciato.